Travelcooking

3 giorni a Boston

Boston: una città senza tempo!


Visitare una delle città più antiche degli Stati Uniti, richiede di fare un salto nella storia. Boston fu fondata nel 1630 e per questo motivo, le aspettative erano quelle di scoprire una città senza tempo. Tuttavia si è rivelato qualcosa in più di quello!
Dopo un volo piuttosto movimentato e le tre ore di ritardo di cui vi evito volentieri i dettagli, abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti al nostro Airbnb. Era in una buona posizione, non lontano dal centro della città. La casa era davvero grande, con cucina molto spaziosa, due living room ampie, un bagno e tre camere da letto, molto confortevole, anche se noi eravamo soltanto in 2! (vedi il collegamento agli alloggi)

Una volta finito di sistemarci, siamo usciti per cena e ci siamo diretti nella zona del porto per una passeggiata intorno a Fort Point Channel. Il clima era piuttosto piacevole, e la città non ci è sembrata molto caotica. Abbiamo mangiato a Miel “Brasserie Provençale” un ristorante francese all’interno dell’Intercontinental di Boston. La cena era deliziosa e il panorama sui canali e sullo skyline veramente da fotografia…

Il giorno successivo siamo usciti di mattina presto alla scoperta di questa città! Il contrasto della vecchia architettura con il nuovo è una delle caratteristiche di Boston, infatti vi capiterà spesso di trovarvi di fronte un edificio in mattoni un po’ stile inglese, e magari un grattacielo in cemento e vetro…

La prima sosta l’abbiamo fatta al TD Garden, un’arena multifunzionale, che è la casa dei Boston Bruins della National Hockey League e dei Boston Celtics della Nba. Anche se non c’era nesuna partita in programma per quel giorno, il posto era piuttosto caotico con diversi gruppi di fan che affollavano lo store. Sono rimasto impressionato dal lato dell’arena che è stato costruito sulla cima della stazione di Boston, una dei principali punti per il trasporto in città. Posso solo immaginare l’atmosfera all’interno dell’arena durante una partita o magari una finale!

Il resto della mattinata lo abbiamo passato camminando in giro per la città, seguendo le indicazioni del freedom trial, attraverso paesaggi suggestivi, passeggiate, piazze, fontane e statue. La sosta successiva invece, è stata per pranzo a Causeway, un classico pub americano dove all’interno erano radunati diversi fans che stavano seguendo una partita di football del college. Abbiamo preso tre antipasti, e le porzioni erano così grandi che non siamo riusciti a mangiare tutto!

Dopo pranzo abbiamo continuato a seguire il freedom trial che non è altro che un percorso di circa 4 km, che passa in diversi posti significativi per la storia degli Stati Uniti. Contrassegnato in gran parte con mattoncini, si snoda tra Boston Common e il Monumento a Bunker Hill a Charlestown. Qui a Boston Common, il più antico parco cittadino degli Stati Uniti, abbiamo ci siamo trovati un nuovo amico!

Per finire la giornata nel migliore dei modi, abbiamo fatto la crociera nella baia per l’avvistamento delle balene. Questa esperienza è stata davvero meravigliosa, condivisa con numerosi compagni di viaggio tra cui una coppia di persone molto simpatica! Quando si viaggia, ci sono molte immagini di luoghi meravigliosi che possono essere visitati e postati ma interagire con la gente e la natura è una cosa unica… Ti lascia una sensazione meravigliosa dentro…

Il giorno successivo siamo andati a Cape Cod. Purtroppo la giornata era piovosa, ma è stato facile capire perché questo posto è così famoso. La spiaggia, il porto e la case pittoresche fanno di questo posto una sosta obbligatoria per chiunque passi da queste parti…

Qui ho assaggiato una zuppa di molluschi per la prima volta (clams chowder), una zuppa molto spessa tipica degli Stati Uniti Orientali che contiene vongole, brodo, patate a cubetti, cipolle e sedano. Di solito viene servito con cracker di sale o piccoli cracker di ostriche esagonali…

La sera avevamo prenotato al ristorante Mistral Bistro di Boston, che ha la fama di essere uno dei migliori della città. E’ sicuramente un buon ristorante, ma mi aspettavo un ambiente un pochino più riservato, e delle porzioni un po’ meno generose per il “fine dining” che vogliono fare. Comunque, nonostante tutto, il cibo era ottimo…

Boston è sicuramente una città da visitare, la zona della marina, i luoghi storici e le spiagge vicine rendono questa città piena di diversità. Un aneddoto carino vorrei riservarlo per Dunkin Donuts, la catena di vendita di ciambelle che è stata fondata proprio qui nel Massachusetts; ne abbiamo visti così tanti durante il nostro viaggio che a volte facevamo fatica a crederci. Sfido chiunque a contare i Dunkin Donuts dello stato del Massachusetts senza perdere il conto!

3 Commenti

  1. dollar

    Attraсtiνe component to content. Ι simply stumbled upon your blog and іn accession capital to assert that I acquire actualⅼy loved
    account yοur blog posts. Any way I will be subscгibing to your augment or
    even I success you get entry to persistently
    гapidly.

    Rispondi
    1. Travelcooking (Autore Post)

      You can subscribe at the bottom of the home page, or even in the contact section. You will get an email for all the new posts!

      Rispondi
  2. master seo

    Hello there! Quick question that’s completely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly?
    My blog looks weird when browsing from my iphone 4. I’m trying to
    find a template or plugin that might be able to resolve this problem.
    If you have any suggestions, please share. Many thanks!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *