Travelcooking

Focaccia semi-integrale con lievito madre

Oggi vedremo insieme come preparare la focaccia con l’utilizzo del lievito madre. Se volete la ricetta per creare il vostro lievito madre cliccate qui!

Il nostro, per esempio, lo rinfreschiamo anche con un po’ di farina integrale, il che comporterà avere già una base un po’ più scusa del normale. Se volete vedere come rinfreschiamo il nostro lievito madre, cliccate qui!

Ma partiamo con la ricetta e vediamo subito quali sono gli Ingredienti:

  • 100 g. di lievito madre rinfrescato
  • 120 ml. di acqua a temperatura ambiente
  • 10 g. zucchero o miele
  • 400 g. farina (quella che preferite io ho usato 200 manitoba, 200 semi-integrale)
  • 10 g. sale
  • 160 ml. di acqua tiepida
  • sale maldon q.b.
  • rosmarino
  • olio extra vergine di oliva

Procedimento:

Per prima cosa, dopo aver rinfrescato il vostro lievito madre, e averlo lasciato raddoppiare di volume (questo procedimento dovrebbe richiedere circa 2 ore), pesatene 100 g. in una terrina, e aggiungete i 120 ml. di acqua a temperatura ambiente con lo zucchero o il miele.

Sciogliete bene il lievito e lasciatelo riposare per altri 20-30 minuti…

Nel frattempo possiamo prendere un’altra terrina, versare l’acqua tiepida e scioglierci bene il sale. Poi aggiungiamo la farina (e qui potete sbizzarrirvi come piú volete; io di solito uso una parte di manitoba, farina semi-integrale, farina integrale e grano saraceno).

Mescolate ora il composto grossolanamente e lasciate riposare per 20 minuti. Questo aiuterà il procedimento di formazione del glutine.

Una volta trascorso il tempo dovuto, saremo pronti ad impastare; versate quindi il lievito nella farina e azionate la vostra planetaria (per gli amanti delle vecchie tradizioni, il procedimento si può effettuare anche a mano).

Lavorate il vostro impasto per almeno 15 minuti, finché non otterrete un impasto omogeneo, seppure un pochino appiccicoso. Infatti questa é una delle caratteristiche principali di un impasto con il lievito madre.

Mettete quindi il vostro impasto in una bowl di vetro cosparsa di olio extra vergine di oliva, copritelo e lasciatelo riposare per circa 20 minuti…

Siamo arrivati ora al momento delle pieghe; di solito, considerata la consistenza del mio impasto, scelgo se eseguire le pieghe in ciotola o sul banco. Se l’impasto è troppo morbido e difficile da lavorare, prediligerò le pieghe in ciotola, mentre se l’impasto è un po’ più fermo, eseguirò le mie pieghe sul piano da lavoro.

Eseguirò quindi una piega a 4, che consiste nel ripiegare il vostro impasto su se stesso da tutti e 4 i lati e rimetterlo nella vostra terrina oliata per altri 20 minuti circa. Faremo le pieghe almeno altre 2 volte, e lasceremo riposare poi ancora per mezz’ora.

A questo punto saremo pronti per mettere la nostra focaccia in teglia; cospargiamola bene di olio extravergine e stendiamola dolcemente…

E’ arrivato il momento di lasciarla lievitare; il tempo di lievitazione dipenderà molto anche dalla forza del vostro lievito madre. In questa particolare occasione la mia focaccia ha impiegato poco meno di 10 ore, ma normalmente necessita anche di 12 ore.

Si puó tranquillamente impastare la sera e lasciare lievitare tutta la notte e infornare la mattina seguente…

Preriscaldiamo quindi il forno a 250 gradi, cospargiamo la superficie della nostra focaccia con sale maldon, rosmarino tritato e olio extravergine di oliva e inforniamo per 20 minuti portando il forno a 230 gradi…

Poi probabilmente, a seconda della potenza del vostro forno, dovremo dare altri 10 minuti di cottura abbassando la temperatura a 200 gradi…

Una volta sfornata, adagiate la vostra focaccia su una griglia per non farle assorbire l’umidità, e lasciatela raffreddare… se ci riuscite!!! Andrebbe tagliata da fredda, ma credo che mai nessuno abbia aspettato così tanto tempo per assaggiarla!!!

Date un’occhiata anche alla nostra ricetta della focaccia con fichi e prosciutto!!! e fateci sapere qual è la vostra preferita commentando qui sotto! Aspettiamo anche le vostre foto e seguiteci anche sui nostri social networks!

Ci vediamo alla prossima ricetta!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *